BACHECA
Il giorno 6 novembre 2017, alle ore 10.30, si è svolto l'incontro presso la Direzione Generale del Personale come da richiesta delle OO.SS.

 

Il giorno 6 novembre 2017, alle ore 10.30, si è svolto l’incontro presso la Direzione Generale del Personale come da richiesta delle OO.SS. Ha presenziato la dr.ssa Maria Maddalena Novelli coadiuvata dal dott. D’amico Davide per la formazione.

Ad inizio seduta è stata consegnata ed illustrata la bozza della circolare avente per oggetto “indicazioni e ripartizione fondi per le iniziative formative relative alla II annualità Piano di formazione docenti, nonché per la formazione docenti neoassunti a.s. 2017/18 e la formazione sui temi dell’inclusione”.

L’Amministrazione ha riferito che la programmazione delle iniziative per il corrente anno scolastico dovrà comunque assicurare iniziative formative relative a:

-  il tema delle competenze e delle connesse didattiche innovative, anche sulla base degli orientamenti operativi e progettuali che saranno fornite dal comitato scientifico nazionale operante, al livello nazionale , per il primo ciclo (D.M. n. 537 del 1/08/2017);

-  il tema della valutazione degli apprendimenti in fase di revisione normativa a seguito del d.lgs. 62/17 e dei D.M. 741 e n.742 del 2017 con particolare riferimento alla valutazione formativa, al nuovo ruolo delle prove invalsi, alla certificazione delle competenze ed ai nuovi esami di stato, anche sulla base degli orientamenti del Miur;

-  il tema dell’alternanza Scuola-lavoro da indirizzare anche in relazione agli esiti delle azioni di monitoraggio qualitativo;

-  il tema dell’autonomia organizzativa e didattica, con particolare riferimento alle connessioni con l’evoluzione dei PTOF, il miglior utilizzo dell’organico di potenziamento, l’attivazione di modelli organizzativi flessibili.

Al fine di razionalizzare gli interventi a livello di ambito, il Miur ritiene opportuno affrontare i seguenti temi:

-  integrazione multiculturale e cittadinanza globale;

-  inclusione e disabilità, alla luce delle innovazioni previste del d.lgs. 66/17;

-  insuccesso scolastico e contrasto  alla dispersione;

-  la cultura artistica e musicale riguardo alle innovazioni di cui agli artt.8-9 del d.lgs.60/17.

In relazione al monitoraggio effettuato il Miur sostiene che occorre tener conto delle esigenze e delle proposte dei docenti secondo le specificità disciplinari o di area, nonché delle funzioni svolte nella scuola.

I finanziamenti dell’anno scorso saranno distribuiti con un primo acconto del 50% a cui seguirà un ulteriore 40%. Per quanto riguarda il saldo degli anni precedenti esso verrà assegnato subito dopo la rendicontazione delle scuole.

Della circolare sarà data ampia diffusione appena pubblicata.

Per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi della carta del docente l’Amministrazione ha consegnato un prospetto riepilogativo sui settori di utilizzo, un altro sugli ambiti di ripartizione per quanto riguarda il settore della formazione e dell’aggiornamento e un altro ancora sul numero dei docenti che hanno già effettuato nell’attuale anno scolastico l’accesso alla carta del docente.

In allegato i grafici sulla carta del docente.

E’ stata comunicata l’intenzione di limitare al massimo per un biennio l’utilizzo degli importi stanziati e non utilizzati per ogni singolo anno scolastico, poiché esiste la reale difficoltà nel rendicontare le cifre non utilizzate ad anno scolastico anziché ad anno solare.

Pertanto, è stato chiarito che presumibilmente gli importi non spesi nell’a.s. 16/17 saranno riaccreditati nel borsellino del docente entro il mese di dicembre p.v. e dovranno essere spesi entro il 31/8/18.

L’Amministrazione ha precisato, inoltre, che, nonostante la normativa vigente preveda la registrazione del docente sul portale della carta docente entro il 30 ottobre di ogni anno, al fine di poter utilizzare gli importi stanziati, sarà ancora possibile registrarsi nei prossimi giorni.

Per riguarda il personale educativo, infine, per quest’anno al fine di poter sapere come eventualmente procedere il Miur ha inoltrata una richiesta di parere all’Avvocatura dello Stato.

Link